Legge: Qual è la differenza tra "forzatamente e contro la loro volontà" e "senza il consenso della vittima" nella legge degli Stati Uniti?


Risposta 1:

Ha a che fare con due concetti importanti nel diritto penale. Il primo è il livello di intrusione o azione contro la vittima. Possiamo usare i termini "aggravante" e attenuante per comprendere meglio questa posizione. La condotta criminale è aggravata (aggravata) dall'idea di "forzatamente" agire contro una vittima. D'altra parte, un atto può essere attenuante quando l'azione viene eseguita per ridurre l'impatto o il danno che viene fatto.

Ad esempio, generalmente vediamo il termine "contro la sua volontà" quando si tratta di un crimine che non può causare danni o lesioni reali. In questi casi, i termini esaminano il livello necessario per sollevare la questione della responsabilità penale. Può essere un'azione che provoca un effettivo contatto in modo limitato o che si è verificata in un modo che supera la capacità della vittima di dare il permesso o il consenso.

Lasciami spiegare in questo modo. Nella batteria, semplicemente definita come un "tocco" dannoso o offensivo della "persona" di un altro senza "autorità", vediamo tre elementi distinti. Il primo di questi agisce in modo dannoso o offensivo. Nel primo elemento possiamo anche vedere che esiste un duplice standard che, se violato, attaccherà la colpevolezza.

L'atto deve causare danni, che non significano necessariamente dolore fisico ma invece un'invasione della persona dell'altro. Ciò significa che l'atto ha causato una violazione della libertà della vittima di essere toccata o della rispettiva "persona". Un atto è dannoso se provoca danni o lesioni reali (un taglio, un livido, ecc.) O se viola la ragionevole autonomia prevista dell'individuo.

Un po 'simile, un atto è offensivo quando viola anche l'individualità attesa, ma nel caso dell'offensiva non è richiesto che abbia causato un danno reale. Quindi, toccare una donna leggermente sul seno è tanto un crimine quanto colpire qualcuno con una mazza da baseball. In entrambi i casi, l'atto è dannoso o offensivo quando c'è un contatto esterno che altrimenti è approvato dalla società.

Con questo in mente, passiamo a un livello più alto di batteria, come la batteria sessuale. Come una semplice batteria, questa forma di atto criminale richiede al convenuto di compiere un atto affermativo toccando; tuttavia, a differenza della semplice batteria, il grado di contatto deve essere con un certo atto intenzionale o con quello che viene talvolta definito desiderio sfrenato.

Possiamo vederlo nei crimini che un bambino molesta. Poiché il crimine è aggravato dalla natura del contatto, potremmo richiedere che il tocco sia più di un semplice contatto casuale. Un nonno che fa oscillare il nipote non è colpevole di una batteria sessuale se l'azione rientra nei limiti normali o accettati della società. D'altra parte, un nonno può in effetti essere colpevole se possiamo dimostrare che la sua azione nel toccare o ha violato la regola attesa o è stata fatta con uno specifico intento di provocare una batteria sessuale o è stata fatta in un modo che ha rimosso l'abilità del bambino dare il consenso.

Chiaramente, con un bambino, l'idea del permesso è troppo onerosa per lo stato, quindi creiamo una legge che generalmente guarda semplicemente all'idea di un atto "sfrenato" piuttosto che al tipo di contatto da solo. Pertanto, una persona che tocca un bambino in un'area riservata o in modo irragionevole - come appoggiare una mano all'interno delle cosce di un bambino e vicino al cavallo - può verificarsi con la forza (aggravando così l'idea originale di un tocco semplice) o facendolo quando un bambino non è in grado di dare il permesso.

La seconda idea è che questi due termini possono anche definire il grado di intenti richiesto al convenuto. Usiamo il nostro amico Bill Cosby e le accuse contro di lui come esempio. Se Bill ha effettivamente usato una forma di droga per superare la capacità di dare il permesso, allora ha commesso un crimine "senza il consenso delle vittime". Anche se la donna ha dato il consenso, il fatto che abbia superato quell'opportunità usando droghe aggrava e aumenta il grado di toccare.

Possiamo vedere questo in un altro modo per vedere come viene modificato l'elemento intent. Molte persone pensano all'uomo dietro un cespuglio che salta fuori per attaccare la presunta vittima di uno stupro. Nei decenni passati, una donna ha dovuto dimostrare che il suo aggressore ha agito in modo forzato e contro la sua volontà. Per dimostrare la forza, la legge imponeva alla donna di dimostrare di aver fatto uno sforzo ragionevole per dissuadere l'attacco e che senza una forza necessaria per superare la volontà della donna non vi sarebbe alcun crimine.

Ai sensi della legge comune originale e di alcune leggi statunitensi già negli anni '90, lo stato doveva dimostrare che l'imputato era a conoscenza della mancanza di consenso e che aveva intrapreso azioni volte a superare tale elemento. Torneremo a Cosby anche per questa parte. Per dimostrare che lo stupro ha superato il consenso / autorità, l'accusa si è basata su (1) un'effettiva conoscenza della mancanza di consenso o su (2) incosciente disprezzo per la capacità di fornire il consenso.

Vediamo in alcuni dei presunti atti di Cosby che ha usato droghe per superare la mancanza di consenso. Una donna può certamente aver fatto delle scelte consapevoli per unirsi a lui nella riunione privata, ma quando Cosby ha tolto la sua capacità di fare quel rifiuto (non dare l'autorità per agire), Cosby ha commesso un atto che non richiede una forza effettiva. Pertanto, il linguaggio forzato non è ostacolato dall'affermazione secondo cui l'imputato non ha utilizzato la forza richiesta tradizionale. Rendendolo un oggetto di consenso, lo stupro viene meglio definito e l'imputato ha meno modi per creare una giustificazione.


Risposta 2:

La differenza principale sta proprio nella formulazione: i moderni statuti per stupro rimuovono l'elemento di "forza" e lo sostituiscono con una semplice definizione di "mancanza di consenso". Ciò significa che gli stupratori non possono tentare di infondere un ragionevole dubbio sulla loro colpa impegnandosi in sforzi di incolpazione della vittima che si concentrano sul fatto che la vittima "abbia resistito" o meno sufficientemente perché ci sia stato uno stupro "forzato".